ALMANACCO: 11 Febbraio nasce l’inventore Thomas Edison

Inventore e imprenditore statunitense, Thomas Edison nacque l’11 Febbraio del 1847. Famoso soprattutto per essere considerato uno dei più prolifici progettisti del suo tempo, registrando a suo nome il record di 1.093 brevetti, dando alla vita numerose invenzioni, tra cui quella più iconica della lampadina.

Nato a Milan, nell’Ohio, nel 1847, da una povera famiglia. Per questo fu costretto ad abbandonare la scuola dopo pochi mesi di frequenza a causa di problemi finanziari, ricevendo la prima istruzione dalla madre. In contemporanea iniziò a lavorare per guadagnare qualche soldo, vendendo i giornali e dolciumi sui treni.

Esordi da inventore

Oltre al lavoro, nel suo tempo libero amava fare esperimenti con apparecchiature elettriche e meccaniche. Organizzò così un suo primitivo laboratorio a bordo di un vagone ma, a causa di un incendio da lui involontariamente provocato, venne licenziato. Fu così che cambiò lavoro, prestando servizio come telegrafista, periodo in cui inventa uno strumento telegrafico a ripetizione per la trasmissione automatica dei messaggi.

Edison fu così il primo che costruì un apparecchio che metteva in pratica queste teorie, ottenendo un enorme successo. Il suo rudimentale fonografo registrava le onde sonore su sottili fogli cilindrici in stagno e sovrascriveva la traccia durante la riproduzione, tanto che la si poteva ascoltare una sola volta. Grazie a questa invenzione Edison divenne noto come “Il mago di Menlo Park”, dal nome della città del New Jersey dove risiedeva.

Il telegrafo e la lampadina

La vendita degli apparecchi telegrafici, via via perfezionati, gli procura ingenti somme che nel 1876 utilizza per aprire un piccolo laboratorio privato proprio a Menlo Park. Nell’ambito delle trasmissioni telegrafiche, estremamente significativa fu l’invenzione dei sistemi duplice e quadruplice per la trasmissione di più messaggi contemporaneamente su una sola linea. Idea che fu molto importante per lo sviluppo successivo del telefono, inventato dall’italiano Antonio Meucci e dallo statunitense Alexander Graham Bell.

Due anni dopo, Edison presenta pubblicamente quella che sarà la sua invenzione più importante, ovvero la prima lampada elettrica, che ovviamente ottenne gran successo. Questa consisteva in un filamento al filo che diventa incandescente al passaggio della corrente elettrica, dando vita alla lampadina elettrica ad incandescenza il cui brevetto venne registrato nel 1880 negli Stati Uniti. Nello stesso anno creò la Edison Electric Light Company, con cui realizzò oltre 100 mila lampadine all’anno.

Sviluppi e successi

L’8 ottobre 1883, però l’ufficio brevetti degli Stati Uniti dichiarò che il brevetto di Edison non fu valido in quanto basato sul precedente lavoro di William Sawyer e Joseph Swan. Il contenzioso con quest’ultimo, però lo portò ad una duratura amicizia che sfociò nella fondazione di una società chiamata “Ediswan”, con l’obiettivo di commercializzare l’invenzione. Questa impresa e la relativa eredità tecnologica divennero successivamente parte della General Electric.

Sempre nello stesso anno, inizialmente sulle cascate del Niagara, ma poi anche a Londra, aNew York, e a Milano, diede vita alle prime centrali elettriche trasformando l’energia in elettricità da distribuire per le strade e per le case. Mentre i primi inventori produssero l’illuminazione elettrica in laboratorio, Edison fu in grado così di portarla nelle case e negli uffici, con una produzione di massa di lampade, ideando un sistema per la generazione e distribuzione dell’elettricità.

Edison vs Tesla

Durante quella che venne comunemente definita l’epoca della “Guerra delle correnti”, alla fine degli anni 1880, Edison e Nikola Tesla divennero avversari dando inizio a un’accesa disputa. Edison difendeva il sistema di distribuzione a corrente continua (DC) contro la più efficente corrente alternata (AC) che Tesla aveva brevettato in Austria. Per screditare quest’ultimo, si dice che Edison costruì la prima sedia elettrica, esaltandone la pericolosità, allo scopo di screditare la corrente alternata.

Edison, fece così una vasta campagna per scoraggiare l’uso della corrente alternata, partecipando personalmente a molte esecuzioni di animali, affinché si diffondesse l’idea che il suo sistema a corrente continua fosse più sicuro. Alla fine Edison perse la sua battaglia, di fronte all’innegabile innovazione dei dispositivi a corrente alternata, nonostante la maggiore sicurezza della distribuzione in corrente continua. Fu così che a partire dagli anni 50, i suoi sistemi vennero poco utilizzati, se non in casi particolari, come nei sottomarini.

Ultimi anni

Edison fu una mente brillante tanto che nei suoi diari sono state trovate idee e annotazioni riguardanti molteplici campi, dalla filosofia alla storia, fino all’economia. Molte delle sue invenzioni furono però in realtà miglioramenti di idee di altri, ottenute con un approccio diligente e una visione industriale sviluppata in gruppi di lavoro.

Federica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: