ALMANACCO: 18 Dicembre muore il liutaio Antonio Stradivari

Liutaio italiano formidabile, Antonio Stradivari, noto anche come Antonius Stradivarius, muore il 18 Dicembre del 1737. È stato un costruttore di strumenti a corde di straordinaria fattura come ad esempio di violini, viole, violoncelli, chitarre, arpe, e in quest’ambito è universalmente riconosciuto come uno dei migliori di tutti i tempi.

Nacque a Cremona nel 1644, da una famiglia di umili origini, di cui però non si hanno dati certi. Lavorò inizialmente per l’architetto Francesco Pescaroli e dal 1667 fu allievo della bottega di Nicola Amati, illustre liutaio, che influenzò moltissimo la vita del ragazzo. Fu infatti successivamente a questo apprendistato che iniziò la sua passione per la costruzione di strumenti musicali, aprendo una sua bottega indipendente.

Dagli esordi al violino moderno

Antonio costruì la sua fama in ben 75 anni di intenso lavoro, ottimizzando i suoi strumenti sia da un punto di vista estetico sia del suono. La sua è un’arte complessa, che non richiede solo competenza, ma anche grande passione, che in Stradivari non è mai mancata. Visto le influenze del suo maestro Amati, i suoi primi strumenti realizzati, furono chiamati “amatizzati” poichè consistevano in modifiche e miglioramenti dei modelli di quest’ultimo. Intervenne sulle bombature, sull’intensità del colore, sulla forma, sull’aggiunta delle “f” e sugli spessori.

Probabilmente, fu proprio lui a compiere i primi studi sull’inclinazione del manico, fino ad allora semplicemente appoggiato alle fasce e fissato con tre chiodi, secondo il metodo antico barocco. Con l’avvento della musica moderna, eseguita nei teatri, si ebbe l’esigenza di tendere di più le corde per avere più potenza di suono, e da qui la necessità di inclinare maggiormente il manico all’indietro per resistere alla tensione creata. Fu poi necessario utilizzare un legno più resistente, ovvero l’ebano. Fu così che nacque il violino moderno.

I Grandi Stradivari

Fu infatti dopo la morte di Nicola Amati, avvenuta nel 1684, che Stradivari divenne il liutaio più importante di Cremona. Dopo il primo periodo della sua prima produzione di strumenti, agli inizi del ‘700 realizzò alcuni tra i suoi strumenti più famosi, chiamati i Grandi Stradivari come l’Hellier, il Toscano e la viola Medicea, ma anche il Betts, l’Ernst, il Parke, il Boissier e molti altri. Nella sua attività si contano più di 1100 strumenti musicali di sua produzione, di questi 650 sono ancora esistenti. Oltre a violini, viole e violoncelli, creò anche arpe, chitarre, liuti e tiorbe.

La particolarità di questi strumenti fu anche l’etichetta con la firma dell’artista in latino: Antonius Stradivarius Cremonensis Faciebat Anno [data], ovvero Antonio Stradivari Cremonese ha costruito nell’anno tot. Dopo il 1730 molti strumenti portarono la scritta nell’etichetta Sub disciplina Stradivari, probabilmente perché costruiti dai suoi figli. Oltre ai figli, nella sua bottega lavorarono molti allievi, che continuarono a produrre gli strumenti anche dopo la sua morte, quali Carlo Bergonzi, forse Alessandro Gagliano, Francesco Gobbetti, Lorenzo Guadagnini.

L’importanza dei violini

Gli Stradivari oggi hanno grandissimo valore e sono dei beni molto preziosi: il prezzo più alto pagato è stato di 1 milione e 790 mila sterline nel 2006 da Christie’s, a Londra. Si avvalsero delle sue creazioni anche i famosissimi violinisti Niccolò Paganini e Giovanni Battista Viotti, che le fece apprezzare in Francia e in Gran Bretagna. Inoltre alla vita di Antonio Stradivari venne dedicato il film Stradivari (1988), regia di Giacomo Battiato.

Federica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: