ALMANACCO: 27 Novembre nasce il fisico Anders Celsius

Fisico, matematico e astronomo svedese, Anders Celsius nacque il 27 Novembre del 1701. Famoso insegnante di astronomia, restò alla storia per aver dato vita ad una nuova scala di temperatura, ora universalmente adottata da tutti, la cui unità di misura prese il nome di grado Celsius, appunto in suo onore. Per questa invenzione gli venne dedicato un cratere sulla Luna, chiamato cratere Celsius, e un asteroide 4169 Celsius.

Nato nel gennaio 1701 a Uppsala, in Svezia, Andres Celsius seguì le orme del padre, professore di Astronomia presso gli istituti universitari della città. Si formò attraverso lo studio delle scienze matematiche e astronomiche, senza tuttavia trascurare la fisica sperimentale, che tanto influirà sulle sue ricerche nel settore della termometria. Come il padre, anche lui, ad appena 29 anni divenne professore di matematica e poi astronomia nell’Università della città.

Viaggi: gli studi in Lapponia

Negli anni compresi tra il 1732 e il 1736, realizzò numerosi e lunghi viaggi stabilendo contatti personali con altri studiosi, frequentando molti centri di ricerche astronomiche e visitando vari osservatori, come in Germania, Francia e Italia. Durante uno dei suoi viaggi a Parigi, conobbe Pierre Luis de Maupertuis, con il quale entrerà a far parte di un gruppo di studiosi che lavoravano alle celebri misurazioni dell’arco di meridiano. Venne infatti inviato in Lapponia con il compito di verificare se la teoria di Newton, riguardo dello schiacciamento della terra ai poli fosse esatta.

Nel corso del viaggio Celsius confermò questa teoria sulla forma del globo terreste, sostenendo che fosse schiacciato ai poli, validando così le teorie newtoniane. Successivamente, insieme al suo assistente Olof Hiorter, ritornò in Lapponia per analizzare i cambiamenti del campo magnetico terrestre, e valutare la luminosità delle stelle con strumenti di misurazione. Qui inoltre realizzò numerose osservazioni di aurore boreali, circa 316, pubblicate successivamente tra il 1716 e il 1732.

La scala Celsius

Nel 1733, il suo itinerario europeo toccò anche l’Italia. E proprio in Italia che realizzò le prime indagini concernenti il suo interesse per i problemi annessi alla misurazione della temperatura, legato soprattutto al modo di costruire termometri a mercurio. Si sa inoltre che Celsius aveva compiuto già qualche anno prima, osservazioni barometriche e termometriche, servendosi prima di strumenti di Hauksbee, e poi utilizzando un termometro costruito da Nollet e di un altro termometro dovuto a J. N. Delisle. Da queste osservazioni, pubblicherà una memoria relativa ai problemi della termometria relativi a tali strumenti.

Come soluzione a questi problemi della termometria, egli proporrà nel 1742 di utilizzare una scala centigrada differente, riferita a due punti fissi. Il primo di valore 100 °C, corrispondeva alla temperatura, a livello del mare, alla quale l’acqua congela, mentre il valore 0 °C corrispondeva alla temperatura, sempre a livello del mare, alla quale l’acqua bolle. Questi due valori dovevano essere applicati ad un termometro a mercurio a pressione di 760mm, fornendo altresì una regola per fissare lo zero in corrispondenza di valori differenti della pressione stessa. Questa fu una scala delle temperature che ancora oggi siamo abituati ad utilizzare, anche se completamente rovesciata.

L’evoluzione e il successo

Il rovesciamento della scala di temperature però avvenne in seguito alla morte di Celsius, avvenuta nel 1744. Solo alcuni anni dopo infatti, i fabbricanti di termometri decisero di rovesciare la scala proposta da Celsius, mettendo, come è oggi, lo zero alla temperatura di fusione del ghiaccio e il grado 100 alla temperatura di ebollizione dell’acqua. Così modificata la scala della temperatura in gradi Celsius si diffuse in tutto il mondo con il termine di Gradi Centrigradi, eccetto che in Inghilterra e negli Stati uniti, fedeli alla scala dei gradi Fahrenheit.

Il termine centigradi indica che nella scala considerata ci sono 100 gradi tra il punto di fusione del ghiaccio e il punto di vaporizzazione dell’acqua. In realtà questa fu una caratteristica anche della scala di temperature introdotta successivamente da Kelvin, scala anch’essa centigrada ma con valori 273 e 373. Fu all’inizio del 2000 che la Comunità Europeaemanò una legge secondo la quale nei paesi dell’Unione, non si potè più utilizzare la dizione “gradi centigradi”, ma al contrario doveva essere sempre utilizzata quella di “gradi Celsius”, in onore di Anders.

Ultimi anni

Celsius con questa grandissima scoperta, guadagnò molto rispetto in tutto il mondo, suscitando anche interesse nelle scienze astronomiche. Fu infatti nel 1741, che Celsius fondò l’osservatorio astronomico di Uppsala, che fu equipaggiato con i più moderni strumenti dell’epoca, acquistati durante il suo lungo viaggio. Celsius nella sua breve intensa vita, morì di tisi a 42 anni, oltre alla sua opera di astronomo e alle sue numerose ricerche in vari campi della fisica, scrisse poesie, romanzi di divulgazione scientifica e persino un romanzo di fantascienza ambientato sulla stella Sirio.

Federica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: