ALMANACCO: 25 Novembre nasce l’ingegnere Karl Benz

Famoso ingegnere tedesco, Karl Friedrich Benz nacque il 25 novembre del 1844. Venne considerato l’inventore della prima automobile della storia, in quanto alla fine del XIX secolo, ebbe la brillante idea di abbinare un motore ad un veicolo dotato di ruote. Diede così origine ad un oggetto che ancora oggi fa parte della nostra vita quotidiana, ovvero la macchina.

Nato in un paesino della Germania nel 1844, da una famiglia molto sfortunata. Il padre infatti, macchinista ferroviario, morì quando Karl aveva appena due anni, lasciando la giovane moglie in serie difficoltà economiche, anche se riuscì fin da subito a provvedere ad una buona educazione per il figlio. Frequentò il liceo, risultando molto propenso alle discipline tecniche e scientifiche, passione che lo spinse poi a frequentare il politecnico, dove venne preparato allo studio dei motori

Gli esordi nella meccanica


Al termine degli studi, Benz entrerà subito come apprendista nella Karlsruher Maschinenfabrik  dove mostra le sue capacità facendo rapidamente carriera. In questo periodo conobbe, solo per sentito dire il direttore tecnico Gottlieb Daimler, altro uomo che ebbe particolare importanza nella nascita dell’automobile, ma che non ebbe mai modo di incontrare dal vivo. Nel 1866 però decise di lasciare la ditta, per viaggiare e fare diversi lavori, come a Mannheim come progettista di bilance, ma anche a Pforzheim, come direttore in un’azienda che progetta ponti. Fu in quest’ultima città che conobbe Bertha Ringer, che sposò dopo due anni.

Destinata a divenire sua moglie, Bertha avrà anche un ruolo non trascurabile per quanto riguarda la nascita dell’automobile, soprattutto perchè influenzerà la vita professionale di Karl attraverso molti finanziamenti per mettersi in proprio. Infatti con i soldi della moglie, fonda assieme all’amico August Ritter una società di costruzioni, che però ebbe vita breve a causa dei continui litigi fra i due. Benz così decise di rilevare la sua quota societaria di Ritter, e sempre con la dote di sua moglie, fonda la sua ditta personale chiamata Karl Benz Eisengießerei und mechanische Werkstätte, ovvero Officina Meccanica e Fonderia Karl Benz.

L’idea dei motori a gas


Ma se dal punto di vista familiare la situazione appare felicissima, non si può dire lo stesso per quanto riguarda gli affari e la situazione economica. Infatti, in quegli anni gli affari di Benz cominciano ad andar male, e a causa delle forti perdite fu costretto a chiudere la fonderia. Con questo grave problema da risolvere, e con l’allargarsi della famiglia da mantenere, Karl ebbe l’idea di cambiare direzione. Decise così di occuparsi di motori a gas, molto in voga in quel periodo grazie al lavoro svolto da Gottlieb Daimler e Wilhelm Maybach, in una famosa azienda di Colonia.

Per oltre due anni, Benz si dedicò alla creazione ed alla messa a punto del suo motore, spendendo molti dei suoi risparmi e chiedendo prestiti ad alcuni amici. Fu nel 1878 che perfezionò finalmente il suo motore a due tempi, a cui però già dal 1876 stava lavorando Dugald Clerk che nel 1886 lo brevettò. Fu qualche anno dopo che riuscì anche ad aprire una nuova ditta dedita alla costruzione di motori a gas, la Aktiengesellschaft Gasmotorenfabrik in Mannheim, che però venne ancora una volta alla chiusura, per debiti accumulati.

L’invenzione della prima automobile

Per fortuna, grazie alla sua fama, trovò nuovi finanziatori che gli permisero di aprire nel 1883 una nuova azienda, la Benz & Cie. Rheinische Gasmotorenfabrik in Mannheim. La fortuna girò dalla sua parte, grazie alla realizzazione di un motore a quattro tempi, per muovere una vettura senza bisogno di cavalli. Fu infatti nel 1886, che Benz poté registrare il suo motore e la vettura con un unico brevetto, consacrandosi così come l’inventore della prima autovettura al mondo, chiamata la Benz Patent Motorwagen. Questa era un triciclo con tre grandi ed esili ruote a raggi, mosse da un motore monocilindrico orizzontale a quattro tempi, di circa un litro di cilindrata e poco meno di un cavallo di potenza.

Inizialmente, si trattava solo di una semplice soddisfazione personale, senza nessun vantaggio commerciale. Fu invece sua moglie Bertha, che convinta del potenziale della sua invenzione, fu spinta a rubare il prototipo del marito e intraprendere un viaggio memorabile, nel 1888. Guidò da Mannheim a Pforzheim per 104 chilometri, viaggio che diede grande popolarità all’invenzione del marito, che iniziò a prenderne in considerazione la produzione in serie e la vendita. Nascono così la Benz Viktoria nel 1893 e la Velo l’anno seguente, che fecero definitivamente spiccare il volo al business dell’automobile, spinto anche dalla concorrenza con la DMG, fondata nel frattempo dall’altro pioniere Gottlieb Daimler.

Ultimi anni

Nel 1901 si ebbe però un improvviso crollo di vendite, dovuto all’agguerrita concorrenza della DMG, che aveva immesso nel mercato le sue Mercedes 35PS, ben più moderne e prestanti. Benz, dal canto suo, che non era per niente incline alle innovazioni ai suoi modelli, dovette arrendersi soprattutto alla volontà dei suoi soci, che invece erano decisi a dare una svolta produttiva e a rivoluzionare la gamma Benz. Fu a quel punto che Benz decise di lasciare la sua azienda nel 1903, per dedicarsi esclusivamente alla produzione di motori.

Successivamente, nel 1926, la Benz & Cie si fuse con la DMG, dando vita alla nuova casa automobilistica, la Daimler-Benz AG appunto. Essa ebbe un grandissimo successo, tanto che il nome di Benz è tuttora legato al celeberrimo marchio della Mercedes-Benz. Karl Benz trascorre gli ultimi anni della sua vita con serenità, morendo il 4 aprile del 1929 per una bronchite.

Federica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: