ALMANACCO: 10 Novembre muore il poeta Arthur Rimbaud

Iconico poeta francese, Jean Nicolas Arthur Rimbaud morì il 10 Novembre del 1891. Considerato l’incarnazione del poeta maledetto, fu uno dei poeti tra i promotori della poesia moderna, insieme a Baudelaire e Nerval. L’opera di Rimbaud è dettata dal verso libero, dall’ordine sintattico spezzato, che attinge alla libertà dell’immaginario, ai sensi, alla visione irreale.

Rimbaud nasce a Charleville, in una piccola città in Lorena. In seguito al divorzio dei genitori, avvenuto quando ebbe solo 6 anni, cresce esclusivamente con la madre, donna molto severa per cui il giovane manifesta un sentimento di rivolta e un desiderio di fuga. Educato sia in famiglia ed a scuola secondo gli schemi più tradizionali, ebbe una straordinaria precocità intellettuale componendo versi sin dall’età di dieci anni, incoraggiato da un maestro locale.

Poeta maledetto, ribelle e veggente

Ma in casa si sente oppresso, soprattutto in seguito allo scoppio della guerra, che mise fine ai suoi studi e alla sua passione per la scrittura. Rimbaud inizierà a manifestare il suo anticonformismo e la ribellione contro la madre, che lo porterà a scappare di casa nel 1870 per dirigersi a Parigi. Il questo lungo peregrinare visse tra esperienze di ogni genere, senza escludere alcol, droga e carcere, per non aver comprato il biglietto del treno. Viaggiò a piedi, senza soldi, attraverso la Francia in guerra, e fece vita da strada, componendo allo stesso tempo, quello che sarà il suo poema più famoso Le Bateau ivre, nel quale descrive simbolicamente il viaggio alla scoperta di un mondo nuovo e sconosciuto.

Fu in questo periodo che si appassiona agli scritti di Charles Baudelaire e soprattutto di Paul Verlaine, chiedendo addirittura di incontrarlo. Con quest’ultimo inizia una relazione fatta di una turbolenta intimità, di follie, discussioni letterarie, alcol droga, ma soprattutto poesia. Avventura che però finirà male, con una durissima lite conclusa con una ferita per Rimbaud. Influenzato inoltre da libri di alchimia ed occultismo, incominciò a concepire se stesso come un profeta, un santo della poesia, tanto che scrisse due lettere, conosciute come Lettere del veggente, nelle quali elaborò la concezione secondo cui l’ artista deve conseguire la confusione dei sensi.

Dalle opere più importanti al rifiuto

È tra il 1869 e il 1872 che scrisse quasi tutti i brani poetici poi raccolti sotto il titolo di Poesie, ma anche le visionarie ed enigmatiche Illuminazioni. Conclusa la pesante relazione con Verlaine, tornò nella città natale e scrisse un’autobiografia in prosa poetica intitolata Una stagione all’inferno, dove racconta il suo fallimento, durante gli anni maledetti passati con Verlaine. Quest’opera finisce con un addio simbolico, un addio alla dissolutezza e alla sperimentazione poetica, per ritrovare la semplicità. E’ proprio in questo periodo che Rimbaud intraprende un cambiamento.

Questo cambiamento avvenne all’età di 20 anni , decidendo di smette definitivamente di scrivere. Questo abbandono è un mistero che nessuno riuscirà mai a chiarire, come se si fosse esaurito il suo tentativo di farsi veggente e il suo selvaggio furore ribelle, fallimento che provocò in lui il disgusto per la poesia. Lontano dai sentieri della poesia, Rimbaud conosce tutte le difficoltà dell’esistenza, decidendo di riprendere il suo vagabondare, viaggiando attraverso l’Italia, l’Europa, l’Africa, mantenendosi con diversi mestieri come professore di francese, interprete, venditore, trafficante d’armi.  

Ultimi anni

Colpito da cancrena al ginocchio destro, affronta un dolorosissimo calvario per rientrare in patria, dove gli viene amputata la gamba. Ma non c’è più nulla da fare, perchè si spegne dopo atroci sofferenze il 10 novembre 1891.

Federica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: