ALMANACCO: 19 Settembre muore lo scrittore Italo Calvino

Scrittore e intellettuale di grande impegno politico, civile e culturale, Italo Calvino morì il 19 Settembre del 1985. E’ stato uno tra i maggiori scrittori del secondo Novecento, conosciuto e tradotto in tutto il mondo, per i suoi romanzi e i racconti in cui racconta la guerra e la Resistenza. I numerosi campi d’interesse toccati dal suo percorso letterario sono meditati e raccontati attraverso capolavori quali Le città invisibili, Il Barone rampante, Marcovaldo e molti altri libri.

Italo Calvino nasce nel 1923 presso l’Avana a Cuba, dove risiedevano i genitori per svolgere la professione di agrotecnici. A soli 3 anni, con tutta la famiglia si trasferì in Italia, più precisamente a Sanremo, dove trascorse gli anni della fanciullezza. Il primo contatto con la letteratura avvenne all’età di dodici anni a scuola, leggendo il Libro della giungla di Kipling, del quale rimase colpito dai mondi esotici, le avventure e le sensazioni fantastiche che può dare la lettura. Inoltre amava leggere riviste umoristiche, disegnando lui stesso vignette e fumetti, e si appassionò al cinema, un amore che durerà per tutta la sua adolescenza.

Gli esordi caratterizzati dalla Guerra

Sono questi tutti i semi culturali e storici di quella formazione che il giovane Calvino più tardi tradurrà in una scrittura capace di spaziare dalla saggistica politica a quella letteraria e teatrale, dal racconto impegnato, a quello ironico e umoristico, dalla critica sociale, fino anche alla composizione di poesie. Questi iniziali sogni adolescenziali di Calvino, vennero però sconvolti dallo scoppio della Guerra Mondiale, evento che segnò la fine della sua giovinezza. Fu proprio in questo periodo che scrisse brevi racconti, opere teatrali ed anche poesie dai toni drammatici, ispirandosi a Montale, suo poeta prediletto.

Dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943, si unì ai partigiani per non essere arruolato nell’esercito della Repubblica di Salò, evento che segnerà molto i suoi primi scritti. Durante la Resistenza inoltre, aderisce al Partito Comunista Italiano, in cui milita anche nel Dopoguerra, e allo stesso tempo si iscrive alla Facoltà di Lettere a Torino. Proprio in questo periodo comincia a scrivere racconti, avvicinandosi all’ambiente letterario e collaborando con varie riviste letterarie. Inoltre collabora con la casa editrice Einaudi, entrando in contatto con i maggiori scrittori dell’epoca, e venendo assunto successivamente come redattore stabile, occupandosi dell’ufficio stampa e dirigendo la parte letteraria della collana Piccola Biblioteca Scientifico Letteraria.

Dal Neorealismo allo stile Fiabesco

La fama di Calvino iniziò a partire dal 1947, in seguito alla pubblicazione del suo primo romanzo, intitolato Il sentiero dei nidi di ragno, una ricognizione del periodo bellico e del mondo partigiano. Fu il suo esordio nel mondo del Neorealismo letterario, un movimento che indaga sull’esistenza umana, dando voce ai racconti e alle storie delle persone, documentando quanto successo negli anni della guerra e nell’immediato dopoguerra. Anche Calvino così venne spinto a scrivere dei grandi eventi della storia ai quali partecipò, contribuendo alla ricostruzione morale dell’umanità, provata dai grandi conflitti. Rispetto alla corrente neorealista, però, Calvino inserì degli elementi di novità, scegliendo di raccontare la storia con gli occhi di un bambino e la sua ingenuità di un bambino.

Solamente nel 1952, pubblicherà la sua nuova opera Il visconte dimezzato, la prima della trilogia de “I nostri antenati”, il cui completamento avvenne con i romanzi Il barone rampante del 1957 e Il cavaliere inesistente del 1959. Questo fu il romanzo che segnò il passaggio dal neorealismo ad uno stile fiabesco-allegorico, che diventerà caratterizzante dell’autore. In queste opere infatti Calvino riuscì a mescolare elementi fantastici all’ambientazione storica, che avrà culmine nella pubblicazione della raccolta delle Fiabe Italiane, che uscirono nel 1956 consolidando l’idea di un Calvino favolista. Un progetto di raccolta, sistemazione e traduzione di racconti della tradizione italiana popolare.

La fase sperimentale e saggistica

Ma la fase più interessante dello scrittore, però, fu quella sperimentale, che iniziò negli anni Settanta, in cui si dedica alla letteratura combinatoria. Alla base di questi romanzi sperimentali, vi è la volontà di allargare i confini della letteratura verso nuove esperienze, rompendo con gli schemi tradizionali del passato e aprendo verso idee innovative. Questa svolta avvenne in seguito alla frequentazione con gli scrittori francesi del gruppo dell’Oulipo, che intendono la letteratura come gioco combinatorio, creando un testo a partire da regole fisse che ne determinano la forma. In questo periodo nascono i suoi romanzi più noti, tra cui Le città invisibiliIl castello dei destini incrociatiSe una notte d’inverno un viaggiatore e infine Palomar.

Nell’ultimo periodo di vita però si dedicò anche alla saggistica, scrivendo numerosi saggi sulla letteratura. Questa fiorente attività sarà tutta raccolta nel 1980 in una grande opera intitolata Una pietra sopra. Tra i lavori di saggistica spicca poi l’ultimo libro, lasciato incompleto da Calvino prima di morire improvvisamente. Si tratta delle Lezioni Americane, un ciclo di sei conferenze che Calvino avrebbe dovuto tenere nel 1985 presso l’Università di Harvard. In questi saggi, l’autore individua le caratteristiche che avrebbero dovuto avere, secondo lui, la letteratura del nuovo secolo, ovvero leggerezza, rapidità, esattezza, visibilità e molteplicità. La sua carriera, dunque, si chiude con uno sguardo al futuro, e con un’attenzione verso gli sviluppi del mondo e della cultura che d’altronde aveva accompagnano lo scrittore per tutta la sua vita.

Federica.

2 pensieri riguardo “ALMANACCO: 19 Settembre muore lo scrittore Italo Calvino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: