ALMANACCO: 16 Luglio nasce l’esploratore Roald Amundsen

Esploratore norvegese, Roald Amundsen nacque il 16 Luglio del 1872. Passato alla storia per essere stato il primo uomo a condurre una spedizione per raggiungere il Polo Nord e il Polo Sud. Successivamente divenne un esploratore specializzato nelle spedizioni in ambedue le regioni polari, Artide ed Antartide.

Nato nel 1872 a Borge, vicino Oslo, ebbe fin da subito un innato spirito di avventura e un’attrazione per una vita avventurosa e perigliosa. Fu contrario alle volontà del padre di iscriversi all’Università per studiare medicina, così decide invece di arruolarsi nella Marina, per dedicarsi alla vita di mare. La dura vita a bordo della nave tempra il norvegese, tanto che gli servì come preparazione alle future avventure in ambiente artico.

Le prime memorabili imprese

Fu subito chiaro che la Marina ebbe grande influenze su di lui e sulle sue passioni per le regioni polari, che costituivano un’enorme attrazione per lui. La prima spedizione invernale alla quale partecipò nel 1897, fu a bordo della RV Belgica, ad opera del comandante Adrien de Gerlache. La nave rimase intrappolata nei ghiacciai per quasi un anno e durante questo periodo de Gerlache ed il suo comandante in seconda si ammalarono di scorbuto, passando il comando al giovane Amundsen, che ricoprì il ruolo di primo ufficiale. A causa di questo stop forzato di circa 1 anno, l’equipaggio della nave diventò il primo nella storia a trascorrere un inverno intero nelle acque antartiche.

Nel 1903 Amundsen si rese protagonista di un’altra memorabile impresa, come risolutore di situazioni estreme. Al comando del piccolo vascello chiamato Gjøa, e con un equipaggio di soli sei uomini, fu il primo a completare la difficile traversata del Passaggio di Nord-Ovest, collegamento fra Oceano Atlantico ed Oceano Pacifico. La spedizione partì da Oslo e si concluse solamente tre anni dopo a San Francisco. Anche in questo caso, a causa del mare ghiacciato, la nave rimase bloccata per due anni circa, nello Yukon, durante il quale Amundsen abbandonò la nave per raggiungere da solo, con gli sci da fondo, Eagle in Alaska. Qui riuscì a telegrafare notizie sui successi della spedizione, come la scoperta della posizione esatta del Polo Nord Magnetico.

Alla scoperta del polo Sud

Questo risultato lo spinse a voler intraprendere altri viaggi e altre esplorazioni, soprattutto rivolti al Polo Nord, ancora terra inesplorata. Solamente dopo essere in procinto di organizzare una spedizione, scoprì di esser stato preceduto da Frederick Cook e Robert Peary. Ma non si perse d’animo tanto che cambiò obbiettivo, puntando invece al Polo Sud, in estremo segreto, anche con il proprio equipaggio. La spedizione per il Polo Sud iniziò il 19 ottobre del 1911, poco prima di un’altra spedizione inglese che aveva lo stesso scopo, guidata da Robert Falcon Scott.

Grazie alla meticolosa progettazione del viaggio, e alla velocità di Amundsen, riuscì ad arrivare alla meta il 14 dicembre dello stesso anno, precedendo gli inglesi di 35 giorni. Arrivati a destinazione, i cinque membri del gruppo di Amundsen piantano la bandiera norvegese al Polo Sud. La foto che immortala il momento è ormai storica. Solamente un mese dopo Scott si accorse di essere arrivato secondo dalla bandiera norvegese piantata al Polo. Amundsen raccontò il suo viaggio nel libro The South Pole: An Account of the Norwegian Antarctic Expedition in the Fram, 1910-1912

Negli ultimi anni

Soddisfatto di aver realizzato il sogno della sua vita, l’esploratore non si fermò e organizzò altri viaggi. Fra il 1918 ed il 1925 Amundsen intraprese con la nave Maud una lunghissima spedizione scientifica nel Mar Glaciale Artico, con lo scopo di esplorarne le zone ancora sconosciute. Inoltre cercò di attraversare il Polo Nord a bordo della nave, cosa che però non gli riuscì, in quanto restò intrappolato nei ghiacci artici. Deluso per non essere stato al Polo Nord, Amundsen tentò di farlo con gli idrovolanti senza successo, ed poi con i dirigibili, mezzi in grande ascesa in quel periodo.

Storico è l’evento del 1926, nel quale insieme all’italiano Nobile e all’americano Ellsworth, sorvola il Polo Nord con il dirigibile Norge. Dal dirigibile furono lanciate sul Polo le bandiere italiana, norvegese e statunitense. Fu però in seguitò ad un altro volo di esplorazione che Amundsen decolla il 17 giugno del 1928, senza mai più tornare. Alcuni mesi più tardi venne trovato un relitto del suo aeroplano a nord delle coste settentrionali della Norvegia, ma di lui non si ebbero più notizie.

Federica.

3 pensieri riguardo “ALMANACCO: 16 Luglio nasce l’esploratore Roald Amundsen

Rispondi a phileasfogg2020 Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: