ALMANACCO: 4 Maggio nasce l’artista Keith Haring

Artista e pittore di successo, Keith Haring nasce il 4 Maggio del 1958, in Pennsylvania, Stati Uniti. Conosciuto come uno dei padri della street art, famoso per i suoi murales che hanno colorato New York negli anni Ottanta. Ragazzo dolce e simpatico, ha l’abilità di creare un mondo attraverso la sua fantasia. Un mondo fatto di amore, di strani personaggi pieni di vita, che saltano, danzano e urlano.

La vita di Haring, fu da subito costellata di arte e disegno, anche grazie al padre, famoso fumettista e disegnatore di cartoni animati. Saranno proprio quei disegni, insiemi a quelli del celebre Walt Disney ad ispirare il giovane artista, che dimostra fin da subito un talento innato per le arti figurative. Studiò infatti grafica a Pittsburg, per poi trasferirsi a 19 anni a New York per studiare alla School of Visual Arts.

L’influenza metropolitana dei murales

Fu proprio nella scuola artistica di New York che conobbe molti pittori e disegnatori famosi, tra cui Jean-Michel Basquiat, artista con cui condividerà le folli notti newyorchesi e i party spinti fino all’alba. Iniziò a lavorare nel suo studio privato, sempre aperto per scambiare chiacchiere con i passanti del quartiere, grazie ai quali iniziò a dimostrare un particolare interesse per graffiti e murales, e si fece conoscere attraverso i propri disegni realizzati nella metropolitana di New York. 

Infatti amava usare come tavolozze i muri della città, decorando attraverso colori accesi le stazioni della metropolitana, i muraglioni in cemento e i playground nelle periferie. Famoso fu il murales  Crack is wack, nel quartiere di Harlem, a New York. La sua scelta di usare la città come un’immensa tela deriva dal suo approccio all’arte. Per Keith Haring infatti l’arte deve essere aperta a tutti, abbattendo le barriere tra arte di alto e basso livello.

Lo stile artistico dei graffiti

I suoi lavori iniziarono a circolare attraverso il suo stile unico e riconoscibile. I suoi graffiti si caratterizzarono per i colori accesi e vividi, tratti semplici ben definiti e personaggi essenziali con spessi contorni neri. Di maggior importanza fu il legame a un solo personaggio, il “bambino radiante”(The Radiant Child), creatura iperattiva senza caratteri somatici evidenti, di cui non si definisce, il sesso, l’età o l’etnia.

Vista la sua attività sui muri della città, più volte Haring ha dovuto fare i conti con le forze dell’ordine che non condividevano il suo modo di diffondere l’arte senza permesso. Questo fino al 1982 quando realizzò una mostra personale a New York, grazie al quale riscosse molto successo, tanto da diventare famoso in tutta Europa, realizzando opere nelle principali città. In Italia, ad esempio dipinge l’opera Tuttomondo sulla parete del Convento di Sant’Antonio, a Pisa.

Diffusione e collaborazioni

Da metà degli anni Ottanta, per Haring iniziò il riconoscimento a livello internazionale, esponendo opere in Australia, Brasile, Francia, Olanda e in Germania. Disegnò anche sul muro di Berlino un proprio murales nei pressi della Porta di Brandeburgo, tre anni prima della caduta. Divenne praticamente impossibile non imbattersi nella riproduzione di una sua opera.

Oltre ad avere talento, Haring ebbe anche un grande senso degli affari, inventando un vero e proprio brand con le sue opere, aprendo un negozio di gadget, magliette e disegni a SoHo. Con le sue opere collabora inoltre con noti marchi come Swatch e Absolut Vodka, portando la sua arte davvero a tutti, come ha sempre sostenuto. L’idea infatti era rendere i suoi disegni accessibili a tutti, in qualche modo.

Ultimi anni di vita

Apertamente omosessuale, Haring fu molto attivo alla sensibilizzazione del sesso sicuro e dell’utilizzo del preservativo per evitare le malattie sessualmente trasmissibili. Questo perché nel 1988 scoprì di essere malato di AIDS, tanto da creare una fondazione per raccogliere denaro per le associazioni di assistenza alle persone affette dal virus.

L’artista lotta con tutte le sue forze contro la malattia, continuando a lavorare fino a quando le forze glielo permettono, fino al 16 febbraio del 1990 quanto una complicazione del morbo lo ucciderà a soli trentuno anni.

Federica.

4 pensieri riguardo “ALMANACCO: 4 Maggio nasce l’artista Keith Haring

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: