ALMANACCO: 24 Aprile muore lo scrittore Daniel Defoe

Daniel Defoe, che morì il 24 Aprile del 1731, è stato uno scrittore e giornalista britannico. Viene frequentemente indicato come il padre del romanzo inglese e ricordato soprattutto per essere l’autore di Robinson Crusoe, considerato il capostipite del moderno romanzo di avventura e del romanzo moderno in generale.

Nato a Londra nel 1660, nasce in una famiglia di Protestanti Dissenzienti, protestanti “cronwelliani” e non anglicani. Venne educato in una delle migliori Accademie per dissenzienti, dove oltre all’educazione tradizionale intraprende gli studi di economia, geografia e lingue moderne.

L’inizio di carriera commerciale

Viaggiò in tutta Europa, dal Portogallo, alla Spagna, Italia, Olanda, come apprendista commerciale, ottenendo considerevoli fortune. All’apice del successo aggiunge al suo cognome originario Foe un “De” volto a identificarlo come un rifugiato fiammingo elisabettiano protestante.

Nel 1683, tornò in Inghilterra, aprì un negozio di merci e cappelli, e sposa Mary Tuffley, figlia di un ricco mercante, dalla quale ebbe sei figli. Ma qualche anno più tardi, nel 1692 arrivò il tracollo finendo in prigione per bancarotta, dopo essersi distratto dagli affari per mettersi a scrivere di economia. Scritti peraltro dove raccomanda la creazione di una banca nazionale, di compagnie di assicurazioni, di casse di risparmio, pensioni.

L’esperienza politica

La dura esperienza del carcere lo avvicina al mondo della politica, tanto che una volta uscito, partecipò alla rivolta a fianco del duca di Monmouth, figlio protestante e illegittimo di Carlo II, contro il fratello. Prese anche parte alla Glorious Revolution del 1688 arruolandosi nell’esercito al servizio di Guglielmo III d’Orange, divenendo portavoce dei whigs. 

Ma alla morte di Guglielmo d’Orange, ebbe un grave colpo per la sua carriera politica, in quanto fu incarcerato per l’opera The Shortest Way with the Dissenters, per aver diffamato la Chiesa d’Inghilterra. Uscito nel 1704, da subito aprì il giornale The Review, che uscirà tre volte a settimana, diventando una pietra miliare del giornalismo inglese.

Robinson Crusoe

Dopo il 1715 si allontana definitivamente dalla lotta politica. Intorno ai 60 anni inizia a dedicarsi alla carriera esclusivamente letteraria, dando vita a opere romanzesche. Nel 1718 pubblica Robinson Crusoe, un romanzo sull’avventura del marinaio Selkirk finito in un’isola deserta a seguito di un naufragio, fatto di cronaca realmente accaduto. Si concentra sulla vita del naufrago che sopravvisse per circa una trentina di anni, grazie a mezzi di fortuna e il suo ingegno.

Si presenta dunque come una raccolta di episodi dettagliati e legati fra loro dalla presenza di un solo protagonista. Assume inoltre una valenza storica-filosofica diventando la rappresentazione emblematica della lotta contro le difficoltà e dello spirito di iniziativa commerciale che in quegli anni aveva portato l’Inghilterra a colonizzare gran parte del globo. Il successo è immediato e immenso, tanto che durerà fino ai nostri giorni.

La carriera e altre opere

Precursore del realismo immaginario, Daniel Defoe venne considerato a tutti gli effetti il primo scrittore “seriale”, e padre del romanzo moderno, in particolare quella forma in prosa con un singolo personaggio al centro della vicenda. Defoe non inventò un genere ma fu di fatto il primo a utilizzare questo tipo di forma letteraria per una produzione sistematica.

Scoperta così una fonte di rapidi guadagni, si diede alla composizione di romanzi d’avventura. Così nacquero anche Memoirs of a Cavalier, racconto della rivoluzione puritana; Captain Singleton, vita d’un filibustiere; The Fortunes and Misfortunes of the famous Moll Flanders, autobiografia di una ladra e prostituta; A Journal of the Plague Year, descrizione della peste di Londra; The History of Colonel Jack, vita di un borsaiolo che diventa giacobita; The fortunate Mistress autobiografia d’una cortigiana d’alto borgo.

Ultimi anni di vita

Dopo un’esistenza caratterizzata da numerose delusioni e disgrazie, Daniel Defoe muore a Moorfields, nei pressi di Londra, il 24 aprile 1731, abbandonato da un figlio che l’aveva depredato da ogni bene lasciandolo nella miseria più estrema.

Federica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: