ALMANACCO: 14 Aprile il Titanic si scontra contro un iceberg

Il naufragio del Titanic è stato il più celebre sinistro mai avvenuto in ambito marino, e una delle più grandi catastrofi del ventesimo secolo. Formalmente chiamato RMS Titanic, fu il più grande e lussuoso transatlantico del mondo al tempo, e partì per il suo viaggio inaugurale l’11 aprile 1912 da Southampton (in Inghilterra) e diretto a New York.

Sulla vicenda sono stati creati tanti miti, dato l’interesse suscitato in numerose lettori, registi, scienziati e storici. Oggi la dinamica dell’affondamento appare chiara anche se non sono mancate ipotesi di ogni genere, comprese quelle più fantasiose. La nave più sicura al mondo, si diceva essere addirittura stregata e maledetta.

Il Titanic in tutte le sue caratteristiche

La nave “più sicura del mondo”, in realtà, non aveva molte sicurezze. Ad esempio furono insufficienti le scialuppe di salvataggio, non aveva adeguati compartimenti stagni e il personale non era addestrato per gestire l’emergenza. Mancavano, perfino, segnalazioni d’allarme per avvisare i passeggeri in caso di pericolo.

Oggi sembra inaudito, ma all’epoca, era sufficiente che una nave avesse scialuppe di salvataggio solo per un terzo dei passeggeri. Infatti, era considerato uno dei risultati eccellenti del positivismo tecnico di matrice ottocentesca, esageratamente grande, lussuoso, con saloni riccamente arredati, colonne dorate, legno pregiato e inserti di madreperla. Non mancava una piscina coperta, la palestra, il bagno turco, saloni di svago, bar, salotto, utilizzabili ovviamente solo per i passeggeri di prima classe.

Dal viaggio all’avvistamento dell’iceberg

La nave partì da Southampton, in Inghilterra l’11 aprile 1912 e nello stesso giorno fece tappa in Francia e in Irlanda, prima di lasciare l’Europa e navigare in mare aperto nell’Oceano Atlantico. La navigata in mare aperto, fu spinta a più non posso dal comandante Edward John Smith, nel tentativo di attraversare l’Atlantico in tempi record. Per un paio di giorni la navigazione fu regolare e, per l’epoca, molto veloce.

Arrivò la sera di domenica 14 aprile 1912. La stazione radio di bordo ricevette numerose segnalazioni sulla presenza di iceberg lungo la rotta, ma vista la visibilità ottima e il cielo limpido, non preoccuparono il comandante. Però alle ore 23,40 le vedette, avvistarono a occhio nudo un enorme iceberg e lanciarono l’allarme. Si ordinò l’indietro tutta e una virata, ma la nave era troppo veloce e l’ostacolo era troppo vicino. L’idea fu per questo di passare a sinistra dell’iceberg, sfiorandolo con il fianco destro.

Il naufragio e l’affondamento

Con questa manovra, invece, si ottenne un tragico risultato. Il Titanic si scagliò contro la massa di ghiaccio squarciandone il fianco per 90 metri e la carena, interessando sei compartimenti, fatto non previsto dai progettisti. Venne prontamente lanciato l’SOS, recente innovazione per l’epoca, ricevuto da molte navi, ma la più vicina era a quattro ore di navigazione.

Due ore e 40 minuti dall’impatto, la grandiosa nave iniziò ad inabissarsi nel gelido Oceano. A questo punto iniziò la raccapricciante agonia della nave, imbarcando acqua e inclinandosi. L’inclinazione e la tremenda pressione esercitata fece sì che lo scafo si spezzasse in due tronconi. La parte di prua, più pesante, affondò subito e poco dopo anche la poppa, che si innalzò verticalmente per inabissarsi, infine, nelle buie acque.

Alle quattro del mattino il Carpathia, l’imbarcazione che aveva risposto al messaggio di SOS, arrivò sul luogo del disastro e salvò i pochissimi superstiti (solamente 706 sopravvissuti su 2223 passeggeri) La maggior parte dei passeggeri sono morti per annegamento e per assideramento a causa dell’acqua fredda.

La tragedia avvolta nel mistero

Per alcuni aspetti, però, gli avvenimenti di quella notte sono ancora avvolti nel mistero. La versione ufficiale è quella appena raccontata, causata dall’ eccessiva velocità di crociera e la collisione con un iceberg. Furono però diversi i complottisti che provarono a darne diverse versioni, tra cui quella che si trattò di una messa in scena.

La teoria più accreditata è che quella dello scambio tra il Titanic e la sua nave gemella, l’Olympic, già danneggiata, fatta affondare di proposito per intascare l’assicurazione. Un’altra versione raccontata da un passeggero italiano sopravvissuto, smentì totalmente la collisione con un iceberg, in quanto la tragedia sarebbe causata dallo speronamento da parte di un piroscafo olandese o svedese. Forse la verità non si saprà mai, ma di sicuro la legenda “triste” del Titanic non verrà mai dimenticata.

Celebrazioni e film

L’evento suscitò un’enorme impressione sull’opinione pubblica e portò alla convocazione della prima conferenza sulla sicurezza della vita umana in mare. La città, “madrina” dell’enorme transatlantico, pianse a lungo la perdita dei suoi cittadini e tuttora è affezionata alla tragica vicenda, tanto da realizzare una statua che ricordi i defunti del Titanic. Vennero fondate inoltre, numerose associazioni “Titanic” con molti membri che hanno legami personali o familiari con le vittime o con i sopravvissuti all’affondamento.

Vennero realizzati anche documentari sulla tragedia, e grandioso è il film colossal storico/drammatico del 1997, prodotto da James Cameron e interpretato da Leonardo DiCaprio (Jake) e Kate Winslet (Rose). Con un budget di 200 milioni di dollari per la realizzazione, Titanic fu il film più costoso mai realizzato fino ad allora.

Federica.

5 pensieri riguardo “ALMANACCO: 14 Aprile il Titanic si scontra contro un iceberg

    1. Si infatti ci sono state svariate critiche sulla costruzione del Titanic, che venne concentrata sopratutto sulla bellezza, sullo sfarzo e sulla grandiosità e poco sulla sicurezza della nave

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: