ALMANACCO: 3 Marzo primo numero della rivista Time

Il 3 Marzo del 1923, venne lanciata per la prima volta la rivista americana Time. In piena America degli anni Venti la stampa fu investita dal boom dei periodici rappresentato dai tabloid, e dai newsmagazine, ovvero settimanali d’attualità di cui il TIME fu il primo esempio negli USA.

La venne fondata quasi per gioco da due studenti di Yale, Henry Luce e Briton Hadden. Intenzionati a chiamarla inizialmente Facts, i due non nutrivano grandi aspettative dal loro progetto. Tuttavia già dal primo numero ebbero la prova che sarebbero andati molto lontano.

Identità e carattere

Diedero infatti una personale identità al settimanale, conferendogli alcuni aspetti identitari, come l’immagine di copertina riservata a un personaggio pubblico a settimana. Sul numero d’esordio, ad esempio, fu raffigurato Joseph G. Cannon, presidente della Camera dei rappresentanti e tra i politici più influenti della storia americana.

Da Mahatma Gandhi alla regina Elisabetta II, da politici, scienziati, premi Nobel, uomini di cultura e spettacolo, così come tutti i presidenti degli Stati Uniti d’America. Se le immagini di feroci dittatori come Hitler e Stalin suscitarono forti critiche, con grande sorpresa nel 1982 venne accolta la scelta di assegnarlo dal computer.

Man e Person of the Year

Dal 1927 fu introdotta l’iniziativa Man of the Year, con la quale veniva designata la personalità più influente dell’anno tra quelle segnalate settimanalmente, dedicandole una copertina speciale. Il primo a esserne insignito fu il famoso aviatore Charles Lindbergh, che nel 1927 compì la prima traversata aerea dell’Oceano Atlantico, senza scalo.

Rinominato Person of the Year dal 1999, ebbe anche delle piccole eccezioni, ovvero assegnare il premio non solo a singoli individui, ma anche a gruppi di persone. Ad esempio i manifestanti della “Primavera araba” nel 2011, gli “Ebola fighters”, ossia gli operatori sanitari impegnati contro il virus, oppure le “Silence Breakers”, donne che hanno subito e denunciato molestie.

Diffusione in tutto il mondo

Sfruttando la risonanza che offrivano altri media come la radio e il cinema, TIme aumentò la sua popolarità toccando gli altri continenti. aprendo altre sedi per altrettante edizioni della rivista. Per questo divenne da destinare al pubblico europeo unitamente a quello africano e dell’America Latina, asiatico e del Sud del Pacifico per Australia e Nuova Zelanda.

Federica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: